Prossima prova d’esame OAM a Roma il 23 e 24 marzo 2020

Sarà possibile iscriversi dal 2 marzo al 16 marzo 2020 alla 1°, 2°, 3°, 4°, 5° e 6° sessione della prossima prova d’esame per l’iscrizione negli Elenchi che si svolgerà nei giorni 30 settembre e 1 ottobre 2019 a Roma, con inizio alle ore 9:30, 13:30 e 16:30 di ciascun giorno.

Si segnala agli interessati che è possibile prenotarsi e partecipare a una o più tra le sessioni disponibili. Per ogni sessione prenotata deve essere corrisposto il pagamento del contributo previsto.

Per effettuare la prenotazione della prova d’esame ricordiamo che è necessario:

  1. effettuare la “Registrazione” al portale dell’OAM;
  2. entrare nella propria Area Privata, tra i “Servizi”, e accedere alla funzione “Prenotazione sessione d’esame”;
  3. Verificare l’effettiva disponibilità di posti per la sessione prescelta.
  4. Effettuare il pagamento del contributo di 120€ per la prenotazione alla prova d’esame.
  5. Prenotarsi ad una o più sessioni disponibili esclusivamente tramite l’apposito servizio in area privata (guida operativa) e nel periodo di tempo indicato nel Bando: a partire dal 2 marzo fino al 16 marzo 2020.
  6. Verificare che la prenotazione sia andata a buon fine.
  7. In assenza di posti disponibili, qualora il pagamento fosse stato comunque effettuato, lo stesso potrà essere riutilizzato per la prenotazione di successive sessioni di Prova d’esame o, in alternativa, ne potrà essere richiesto il rimborso all’indirizzo info@organismo-am.it, allegando copia della ricevuta del bonifico effettuato.

REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

Possono essere ammessi alla partecipazione alla prova d’esame i soggetti che:

– abbiano versato nei suddetti termini il contributo richiesto per la prenotazione pari ad Euro 120,00 deve essere versato, prima della prenotazione della prova, sul conto corrente sul conto corrente n. 000102315663, intestato a OAM ASSOCIAZIONE (IBAN: IT51E0200805181000102315663), indicando nella causale del versamento il proprio CODICE FISCALE o quello del soggetto per il quale si sta versando il contributo di prenotazione.

– abbiano partecipato a un corso di formazione sulle materie rilevanti per l’esercizio dell’attività di Agente in attività finanziaria e Mediatore creditizio, ai sensi dell’art.14 del Decreto Legislativo 13 agosto 2010 n. 141, entro la data di partecipazione alla sessione della prova d’esame prescelta dal candidato. I corsi possono essere erogati da strutture di comprovata esperienza nel settore della formazione in materie economiche, finanziarie, tecniche e giuridiche rilevanti nell’esercizio dell’attività di Agente in attività finanziaria e di Mediatore creditizio. Cliccando sull’immagine di seguito potete iscrivervi al nostro.

Corso Esame OAM

BANDO D’ESAME

Per scaricare il bando d’esame potete cliccare di seguito:

> Bando d’esame – Sessioni 1, 2, 3, 4, 5 e 6 dell’anno 2020

DOVE SI SVOLGERA’ L’ESAME

L’esame si svolgerà presso la sala “Cavour” del Centro Congressi Cavour in Via Cavour, 50 (vicinissimo alla Stazione Termini). Cliccando qui trovate una lista di hotel vicini alla sede d’esame ordinati per prezzo per la sera del 22 e 23 Marzo.

IL MANUALE PER PREPARARE L’ESAME

Qui lo trovi con il 15% di sconto e spedizione gratis.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DATABASE QUESITI ESAMI E SIMULATORE PER ESERCITARSI

Cliccando qui troverete il nuovo database delle domande d’esame – aggiornato, revisionato e arricchito di nuove domande – contenente i quesiti, con le relative risposte, utilizzati per i questionari delle prove d’esame per l’iscrizione negli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi.

Cliccando di seguito potete esercitarvi con il nostro simulatore dell’esame gratuito.

Simulatore OAM

 

 

 

 

Esito prova d’esame di Milano del 16 e 17 Dicembre 2019

iscrizione-online-esame-oam

L’OAM avvisa che sono in corso di pubblicazione, all’interno delle aree private di ciascun candidato, gli esiti della prova d’esame delle sessioni 12/19, 13/19, 14/19 e 15/19 che si sono svolte a Milano nei giorni 16 e 17 dicembre 2019.

Per consultare il proprio esito potete cliccare qui:

https://areaprivata.organismo-am.it/

Quale scenario si apre per il trattamento provvigionale degli agenti in attività finanziaria nel 2020?

Cari amici, per chi opera nel settore con la qualifica di agente, collaboratore, od anche di mediatore creditizio, l’anno si apre con una serie di incognite che riguardano le provvigioni di queste categorie.

Tutto deriva da una sentenza di cui probabilmente avete già sentito parlare, si tratta della sentenza della corte polacca di Lublino nei confronti di alcune banche polacche (tra cui la sede locale di Santander consumer bank) promossa da una società denominata Lexitor. Con questa sentenza è stato stabilito che, per rispettare la direttiva 2008/48UE riguardante la tutela dei consumatori nei servizi finanziari in caso di estinzione anticipata il consumatore ha il diritto alla restituzione di tutti i costi che hanno partecipato al costo totale del credito per il periodo di tempo relativo da trascorrere rispetto alla naturale scadenza del contratto, calcolato dal momento del rimborso anticipato del credito.

Su tale argomento si è espressa la Banca d’Italia con il dipartimento Vigilanza bancaria finanziaria attraverso il Servizio tutela clienti e antiriciclaggio, ribadendo la validità per l’Italia della sentenza emessa dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea sul caso Lexitor e fornendo alcune indicazioni sui criteri di rimborso ai consumatori dei costi inclusi nel costo totale del credito in particolare riguardo i nuovi contratti di credito (inclusi quelli di finanziamento contro quelli del quinto dello stipendio o della pensione), in caso di rimborso anticipato. La BdI ha ribadito che dovrà essere assicurata la riduzione del costo totale del credito includendo tutti i costi a carico del consumatore escluse le imposte in caso di estinzione anticipata.

Per assicurare la massima trasparenza nei confronti dei clienti, in futuro, i criteri di riduzione dei costi dovranno formare oggetto di specifica informativa al cliente. Questo significa che non solo vanno cambiate le condizioni contrattuali sul diritto di rimborso anticipato dei costi al cliente sul contratto, ma va modificata anche l’informativa precontrattuale fornita al cliente prima della sottoscrizione del contratto.

La BdI riguardo alla definizione di questi costi chiede agli intermediari finanziari un prudente apprezzamento della determinazione del criterio di rimborso; dovrà in ogni caso trattarsi di un criterio proporzionale rispetto alla durata (lineare oppure costo ammortizzato).

Per quanto riguarda le reti di vendita la BdI suggerisce di ridefinire gli accordi contrattuali con le reti di vendita.

Su questa materia si e espresso l’11 dicembre 2019 anche il collegio di coordinamento dell’A.B.F ribadendo anch’essa la validità della per l’Italia della sentenza della Corte di Giustizia Europea e in particolare, chiarendo che l’aspetto saliente delle conseguenze applicative determinate dalla decisione della C.G.U.E riguarda essenzialmente la rimborsabilità anche dei costi upfront e più in generale, il criterio di responsabilità degli istituti finanziari sul calcolo degli oneri commissionali, upfront e recurring, nei casi di estinzione anticipata del finanziamento da parte di un consumatore (includendo tutti i costi del credito compresi quelli non dipendenti dalla durata del rapporto).

Per quanto riguarda questo argomento l’orientamento dell’A.B.F coincide con le disposizioni sulla trasparenza e indicazioni della vigilanza di BdI DEL 2009, 2011, 2018 confermando il rimborso dei costi upfront e non solo quelli recurring.

Perché questo interessa coloro i quali sostengono l’esame per diventare agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi? Ovviamente perché si parla delle retrocessioni provvigionali spettanti agli agenti e mediatori.

Con l’attuale versione dei contratti sottoscritti dagli agenti in attività finanziaria, a mio personale avviso, non si può richiedere all’agente in attività finanziaria di partecipare a questa retrocessione al consumatore in quanto ciò non è previsto dai contratti ancora oggi sottoscritti fra gli agenti e gli istituti finanziari e o banche. Occorrerà che tutti gli intermediari qualora ritengano di far partecipare l’agente a questa restituzione delle provvigione predispongano per le loro reti la sottoscrizione di un nuovo modello contrattuale con l’esplicita previsione di questa ipotesi.

Per quanto riguarda i mediatori creditizi ed i loro collaboratori, anche qui vi è un aspetto da sottolineare e cioè che la commissione di mediazione che il cliente riconosce al mediatore creditizio è oggetto di una separata sottoscrizione fra il cliente e il mediatore di un “contratto di mediazione” in cui si riconosce da parte del cliente il diritto del mediatore alla corresponsione di una commissione di mediazione creditizia.

Tutto ciò troverà molto probabilmente una definizione comune da parte delle banche e degli intermediari finanziari che terrà conto di queste novità nell’offerta dei servizi finanziari ai consumatori. Probabilmente tutti sceglieranno un’offerta tutto T.A.N che dovendo tenere conto delle somme da restituire in caso di estinzione anticipata avrà conseguentemente dei valori più elevati rispetto a quelli attuali.

Sarà opportuno da parte degli agenti in attività finanziaria, ma anche dei mediatori creditizi e dei loro collaboratori, un’attenta disamina dei contratti di agenzia proposti da vari intermediari finanziari per valutarne attentamente la convenienza e compararla eventualmente con altre in base alla previsione di rimborso di parte delle provvigioni al cliente e della partecipazione a questa restituzione da parte di agenti e mediatori creditizi.

Gaetano Burrattini

 

OAM: il trend del settore registra una flessione degli iscritti a fronte di un incremento del numero dei collaboratori di Mediatori e Agenti in attività finanziaria

A fine ottobre, gli elenchi OAM contano 8.241 iscritti, il 4% in meno rispetto ad inizio anno. Tale calo interessa soprattutto gli Agenti di istituti di pagamento persona fisica (-16%), scesi a 1.466 soggetti, e i Mediatori (-3%), ora pari a 289 società. Gli Agenti in attività finanziaria persona fisica e gli Agenti di istituti di pagamento persona giuridica sono, invece, entrambi in diminuzione con variazioni più contenute, al 31/10/2019, rispettivamente, -43 (5.362 soggetti) e -9 (166 società). L’unica categoria di iscritti in crescita sono gli Agenti in attività finanziaria persona giuridica: 958 società (+3%).

La flessione degli iscritti è dovuta in gran parte all’attività di Vigilanza dell’OAM, il 56% degli Agenti persona fisica e l’89% degli Agenti di istituti di pagamento persona fisica uscito dagli Elenchi di quest’anno sono stati cancellati d’ufficio. Le variazioni registrate sono le più rilevanti dal 2016 ed hanno interessato ugualmente iscritti operativi che non operativi: quest’ultimi infatti rimangono l’87% del totale, rapporto in linea con gli anni precedenti.

A fronte della diminuzione degli iscritti continuano ad aumentare i collaboratori, +1.144 soggetti da inizio anno: registra in particolare un incremento il numero di collaboratori di Mediatori (+511) e Agenti di attività finanziaria persona giuridica (+412). La crescita dei collaboratori è in linea con quella registrata nello stesso periodo dell’anno precedente: al 31/10/2019 i collaboratori di Agenti in attività finanziaria sono 7.148, quelli di Mediatori sono 5.587 e di Agenti di istituti di pagamento 3.223.

La diminuzione degli iscritti e l’aumento dei collaboratori accentuano ancora di più un trend del settore che ha riguardato almeno gli ultimi due anni: la crescita della rete distributiva in capo ad ogni iscritto. Infatti, dal 2016 il numero medio di collaboratori per iscritto è aumentato per tutte le categorie degli Elenchi: il numero collaboratori per singolo Agente in attività finanziaria persona giuridica è passato da 5,9 a 6,8, per i Mediatori da 14,1 a 19,3 e per gli Agenti di istituti di pagamento persone giuridiche da 15,6 a 18,8.

Anche se aumentano le dimensioni degli iscritti i mandati diretti, +16% da inizio anno, crescono più velocemente dei mandati indiretti, +6% da inizio anno (i primi sono i mandati acquisiti dagli Agenti direttamente dagli intermediari, i secondi quelli ottenuti grazie alla collaborazione con un altro Agente avente mandato diretto); questo dato allontana l’ipotesi di un accentramento dei mandati nelle mani di pochi soggetti iscritti. Complessivamente, il totale dei mandati è aumentato del 2% da giugno (ora 25.466 mandati); la variazione è contenuta ma rilevante considerando la diminuzione degli iscritti.
Rispetto a inizio anno, il numero di mandati è cresciuto del 12%, i prodotti con il tasso di crescita più alto di mandati sono il Factoring (+255%), l’Acquisto Crediti (+83%) e il Leasing su rinnovabili ed altri investimenti (+72%), mentre diminuiscono i mandati per la Ristrutturazione dei crediti (-37%), il Rilascio di fidejussioni e garanzie (-13%) ed i Prestiti su pegno (-14%).
I prodotti principali per numero di mandati rimangono Cessione del quinto (4.663), Credito Personale (3.517), Mutui (2.499) e Carte di credito e debito (2.202).
I primi tre sono anche i prodotti di credito con la rete distributiva agenziale più ampia: Cessione del V con 8.924 soggetti, Credito personale con 7.324 e Mutui con 4.477 soggetti;
per rete distributiva si intende la somma degli Agenti con mandato diretto, di quelli con mandato indiretto e dei collaboratori in capo ai primi due. Riguardo ai servizi di pagamento le reti distributive maggiori sono per l’Incasso e trasferimento di fondi (21.236 soggetti) e le Carte di credito e debito (12.356 soggetti).

Per comprendere come si stia evolvendo l’operatività degli Agenti è interessante soffermarsi sul fatto che il numero di intermediari mandanti dal 2015 ad oggi è passato da 337 a 190, mentre è aumentato il numero medio di mandati per singolo istituto: da 57,6 a 133,3.
Inoltre, il numero di mandati complessivo (diretti e indiretti) per Agente in attività finanziaria è aumentato da 3 a 4. Tali dati, seppur ancora non in grado di dare un quadro completo, indicano come il settore sembri andare verso pochi intermediari mandanti che si strutturano per delegare alla rete agenziale in maniera consistente la distribuzione dei prodotti; gli Agenti che riescono a rimanere nel mercato sono quelli che attraverso l’aumento della propria dimensione o grazie ad una specializzazione riescono a gestire sempre di più un portafoglio prodotti vario e/o a sviluppare sinergie con la mandante.

 

Fonte: OAMagazine – ANNO 2019 | N.3

Prova valutativa OAM dipendenti e collaboratori: pubblicato il calendario di tutte le prove d’esame del 1° trimestre 2020

BANDO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROVA VALUTATIVA
Indizione per il 1° trimestre del 2020 delle sessioni delle prove valutative riservate ai dipendenti ed ai collaboratori degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi
L’OAM – Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (di seguito Organismo),
visto il titolo VI-bis del decreto legislativo del 1 settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, recante il Testo unico delle leggi in materia bancaria e finanziaria (di seguito anche “TUB”);
visto, in particolare, l’art. 128-novies, comma 1, del TUB, il quale prevede che i dipendenti e collaboratori di cui gli Agenti in attività finanziaria ed i Mediatori creditizi si avvalgono per il contatto con il pubblico (di seguito dipendenti e collaboratori) sono tenuti a superare una prova valutativa i cui contenuti sono stabiliti dall’Organismo;
visto il Regolamento Interno dell’Organismo;
vista la Circolare n. 2215 “contenente disposizioni inerenti alla prova valutativa a norma dell’art. 128-novies, comma 1, del D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385”, approvata dal Comitato di Gestione in data 30 marzo 2015 e successive modificazioni;
DELIBERA

Art. 1
Sessioni di svolgimento delle prove valutative

  1. Sono indette per il 1°trimestre del 2020 le sessioni delle prove valutative riservate ai dipendenti ed ai collaboratori delle società di agenzia in attività finanziaria e di mediazione creditizia, costituite in forma di società di capitale.
  2. Le sessioni di svolgimento delle prove valutative si effettueranno nelle date e negli orari riportati nell’Allegato 1 annesso al presente Bando.
  3. Le date ed il numero delle sessioni indicate potranno subire variazioni, opportunamente e tempestivamente comunicate mediante pubblicazione sul portale http://www.organismo- am.it, in caso di eventi eccezionali o in ragione dell’effettivo numero di candidati prenotati per le prove valutative o, comunque, per cause non imputabili all’OAM.

Art. 2
Requisiti di ammissione alla prova valutativa

  1. Possono essere ammessi alla partecipazione alla provava lutativa i soggetti che:
    1. siano in possesso di un terminale informatico (personal computer), dotato di dispositivo di rilevazione audio (microfono) e video (webcam), avente i requisiti tecnici riportati al successivo art. 6;
    2. siano in possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC);
    3. abbiano effettuato la registrazione al portale http://www.organismo-am.it, accedendo al servizio “Registrazione”, ed abbiano effettuato la prenotazione alla prova valutativa nelle modalità e nei termini di cui al successivo art. 3, ottenendo conferma dell’avvenuta prenotazione nelle modalità di cui al seguente art. 8;
    4. abbiano frequentato il corso di formazione professionale di cui all’art. 14, comma 1, lett. b), del D.Lgs. 1412010, così come disciplinato nell’art. 3 della Circolare n. 1914;
    5. siano in possesso dei requisiti di onorabilità e di professionalità richiesti, stabiliti dal combinato disposto degli artt. 128-novies, comma 1 del TUB, 14 e 15 del D.Lgs. 1412010, escluso il superamento della prova d’esame OAM;
    6. abbiano versato il contributo richiesto per la prenotazione e inviato copia del versamento effettuato con le modalità previste al successivo art. 5;
    7. abbiano espressamente prestato il proprio consenso, presa visione dell’informativa resa ai sensi dell’art.13 del Regolamento (UE) 2016679 e del D.Lgs. n. 1962003, al trattamento dei dati personali, ivi compresi i dati acquisiti durante lo svolgimento della prova valutativa mediante rilevazione audiovideo, secondo le modalità indicate nel portale dell’Organismo.

Art. 3
Modalità e termini di prenotazione della prova valutativa

  1. La domanda di prenotazione della prova valutativa deve essere presentata esclusivamente in via telematica, mediante l’apposita procedura disponibile all’interno dell’area privata sul portale http://www.organismo-am.it, secondo le modalità ivi indicate.
  2. Le prenotazioni ed i relativi termini di presentazione delle domande per le singole sessioni saranno gestite esclusivamente attraverso la piattaforma informatica dedicata.
  3. Le prenotazioni alle singole sessioni possono essere effettuate esclusivamente nei termini riportati nell’Allegato 1, annesso al presente Bando, e nel limite dei posti disponibili, indicati altresì sul portale http://www.organismo-am.it, all’interno dell’area dedicata alla prenotazione della prova valutativa.
  4. Il candidato può prenotarsi ad una sola sessione per volta nell’ambito del calendario pubblicato e salvo disponibilità dei posti; non potranno pertanto essere effettuate prenotazioni multiple.
  5. Nella domanda di prenotazione, pena l’irricevibilità della stessa, il candidato deve, sotto la propria responsabilità ed ai sensi delle norme vigenti in materia di autocertificazione:
    1. specificare i dati identificativi del proprio documento di riconoscimento, con fotografia, in corso di validità, allegandone una copia;
    2. indicare il luogo e l’indirizzo in cui intende svolgere la prova valutativa;
    3. dichiarare il possesso dei requisiti di onorabilità e di professionalità, stabiliti dal combinato disposto degli artt. 128-novies, comma 1 del TUB, 14 e 15 del D.Lgs. 1412010, escluso il superamento della prova d’esame OAM;
    4. attestare il superamento del corso di formazione professionale di cui all’art. 14, comma 1, lett. b), del D.Lgs. 1412010, così come disciplinato nell’art. 3 della Circolare n. 1914;
    5. confermare, per lo svolgimento della prova nella data e nell’orario previsto per la sessione prescelta, l’utilizzo di un personal computer dotato dei requisiti tecnico- informatici (hardware e software) di cui all’art. 6 del presente Bando;
    6. prestare espressamente il proprio consenso, presa visione dell’informativa resa ai sensi dell’art.13 del Regolamento (UE) 2016679 e del D.Lgs. n. 1962003, al trattamento dei dati personali, ivi compresi i dati acquisiti durante lo svolgimento della prova valutativa mediante rilevazione audiovideo, secondo le modalità indicate nel portale dell’Organismo.
  6. Tutti i messaggi diretti all’utente, relativi allo stato della prenotazione e ad eventuali ulteriori avvisi e comunicazioni, saranno disponibili nel servizio dedicato alla prenotazione della prova valutativa all’interno dell’area privata sul portale http://www.organismo-am.it.

Art. 4
Modalità e termini di cancellazione o modifica della prenotazione della prova valutativa

  1. La cancellazione della prenotazione della prova valutativa deve essere effettuata esclusivamente in via telematica mediante l’apposita procedura disponibile all’interno dell’area privata sul portale http://www.organismo-am.it, secondo le modalità ivi indicate.
  2. Le cancellazioni delle prenotazioni della prova valutativa, ed i relativi termini per le singole sessioni, saranno gestite esclusivamente attraverso la piattaforma informatica dedicata.
  3. Le cancellazioni delle prenotazioni della prova valutativa possono essere effettuate esclusivamente entro i termini riportati nell’Allegato 1, annesso al presente Bando, indicati altresì sul portale http://www.organismo-am.it.
  4. La prenotazione, effettuata per una specifica sessione, può essere modificata per consentire la partecipazione ad una sessione diversa, nell’ambito del calendario pubblicato, previa cancellazione della prenotazione precedente, salvo disponibilità dei posti e tassativamente nei termini riportati nell’Allegato 1.
  5. Non saranno prese in considerazione richieste di cancellazione o modifica delle prenotazioni presentate in maniera difforme a quanto stabilito dal presente Bando.

Art. 5
Contributo per la prenotazione alla prova valutativa

  1. Il contributo richiesto per la partecipazione a ciascuna sessione, pari ad Euro 100,00 (cento), deve essere versato entro i due giorni (48 ore) successivi alla prenotazione effettuata dall’utente sul conto corrente sul conto corrente intestato a OAM ASSOCIAZIONE (IBAN: IT11Y0200805181000103658169) indicando necessariamente nella causale il nominativo ed il codice fiscale del candidato per il quale il contributo è versato nonché il codice univoco comunicato all’atto della prenotazione.
  2. Entro detto termine l’utente deve inviare la copia del versamento effettuato, tramite il servizio dedicato alla prenotazione della prova valutativa all’interno dell’area privata sul portale http://www.organismo-am.it, per la conferma della prenotazione, pena la cancellazione automatica della stessa.
  3. Le eventuali ulteriori informazioni riguardanti le modalità di pagamento del suddetto contributo sono disponibili sul portale http://www.organismo-am.it.
  4. Il contributo è rimborsabile esclusivamente qualora il candidato abbia cancellato la prenotazione alla prova valutativa nei termini previsti dal precedente art. 4, nel caso in cui la prova valutativa venga revocata per motivi imputabili all’OAM ovvero al verificarsi di una delle cause impeditive disciplinate dai successivi commi 5, 6 e 7.
    L’eventuale manifestarsi di problematiche tecniche, di cui al successivo art. 10, comma 5, il verificarsi delle ipotesi di esclusione dallo svolgimento della prova di cui all’art. 13 ovvero l’accertata causa di invalidità della prova svolta di cui all’art. 14, non integrano in alcun caso i presupposti per accedere al rimborso del contributo versato.
  5. Le cause impeditive di cui al comma precedente sono individuate in via tassativa come segue:
    1. decesso del coniuge o convivente, purché la stabile convivenza risulti da certificazione anagrafica, di parenti entro il 2° grado o affini, verificatosi il giorno della data prescelta per lo svolgimento della prova o entro i 3 giorni lavorativi precedenti la stessa;
    2. evento morboso grave del candidato tale da richiedere la degenza ospedaliera nella data prescelta per lo svolgimento della prova.
  6. La documentazione comprovante il verificarsi delle cause impeditive di cui al comma precedente deve necessariamente comprendere:
    1. copia del certificato di morte, nel caso previsto dal comma precedente, lett. a);
    2. documentazione medica rilasciata dall’Azienda ospedaliera comprovante la degenza nella data della prova, nel caso previsto dal comma precedente, lett. b).
  7. La richiesta di rimborso unitamente alla documentazione di cui al comma precedente deve essere trasmessa alla sede dell’OAM (Via Galilei n. 3, 00185 – Roma) a mezzo lettera raccomandata AR, entro 30 giorni dalla data di svolgimento della sessione di prova valutativa il cui contributo è oggetto di richiesta di rimborso.
  8. In caso di cancellazione della prenotazione per una specifica sessione della prova, avvenuta esclusivamente secondo le modalità e termini di cui al precedente art. 4, il contributo versato per la prenotazione potrà essere riutilizzato per la prenotazione di un’altra successiva sessione.

Art. 6
Requisiti tecnico- informatici

  1. I candidati devono tassativamente utilizzare per l’esecuzione della prova valutativa un personal computer in possesso dei seguenti requisiti:
Minimo Consigliato
Processore Processore x86/x64 da 1 GHz Processore Dual Core x86/x64,Processore x86/x64 da 1 GHz,da 2 GHz o superiore
Ram 1 GB 2 GB o superiore
Spazio disco 500 MB Si consiglia di lasciare sempre almeno 1 GB di spazio disponibile sul disco di sistema.
Webcam Risoluzione minima 320px,,correttamente installata nel,sistema operativo.
Microfono Correttamente installato nel,sistema operativo.
Audio Casse audio correttamente,installate nel sistema operativo.
Sistema Operativo Windows Vista; Windows 7;,Windows 8; Windows 10.
Requisiti Software Internet Explorer 8;,DirectX v9.0 o superiore,Microsoft .NET Framework 2.0,,3.5 e 4.0;
Connessione ad internet Velocità minima diconnessione:512 kBit/s in download384 kBit/s in upload Velocità minima di connessione:2 Mbit/s in download512 kBit/s in upload

Art. 7
Invalidità della domanda di prenotazione, modifica e cancellazione della prenotazione

  1. Non saranno prese in considerazione, e pertanto non consentono la partecipazione alla prova valutativa nella sessione prescelta dal candidato, le domande di prenotazione, modifica e cancellazione presentate in maniera non conforme a quanto stabilito dal presente Bando.
  2. Il mancato invio, entro il termine previsto, della copia del versamento effettuato relativo al contributo previsto per la prenotazione comporta l’invalidità della stessa.

Art. 8
Conferma dell’avvenuta prenotazione

  1. Il giorno e l’ora di svolgimento della prova valutativa, prescelti dal candidato in fase di prenotazione, sono confermati – tramite posta elettronica certificata (PEC) – ai singoli candidati al termine della procedura di prenotazione, accertata la validità e completezza della stessa.
  2. Una volta confermata la prenotazione ciascun candidato, inoltre, riceve presso il proprio indirizzo PEC le credenziali e la password per l’esecuzione della prova valutativa, unitamente alle istruzioni per l’utilizzo del software applicativo necessario per lo svolgimento della stessa.

Art. 9
Materie della prova valutativa

  1. La prova valutativa verte sulle materie indicate nella Tabella A allegata al presente Bando, la quale riporta accanto alle materie il peso attribuito a ciascuna di esse, in termini percentuali, rispetto ai contenuti complessivi.

Art. 10
Software per lo svolgimento della prova valutativa

  1. Per essere ammessi a sostenere la prova valutativa i candidati devono avere preventivamente installato, ed avere funzionante, l’apposito software applicativo reperibile attraverso le istruzioni pubblicate sul portale dell’Organismo e, comunque, fornite al candidato tramite PEC al momento della regolare prenotazione della sessione.
  2. L’installazione di tale software applicativo necessita dei requisiti tecnici minimi indicati all’art. 6 del presente Bando, nonché di specifiche autorizzazioni preventive da parte dell’utilizzatore.
  3. Al fine di favorire il corretto svolgimento della prova, è vivamente consigliata la tempestiva effettuazione del test di prova per la verifica del valido funzionamento del software applicativo, delle periferiche audiovideo e della connessione alla rete Internet; il test potrà essere condotto una volta installato ed avviato il software stesso mediante apposita funzione.
  4. Per la risoluzione di problematiche tecniche inerenti all’installazione e all’utilizzo del software è disponibile l’Assistenza tecnica, i cui recapiti ed orari sono indicati all’interno dell’area riservata alla prenotazione della prova valutativa.
  5. L’Organismo non potrà essere ritenuto responsabile, neppure in parte, per qualsivoglia difficoltà, anomalia, discontinuità, impossibilità di accesso od utilizzo della piattaforma dedicata allo svolgimento della prova valutativa, derivate o comunque connesse alla dotazione hardware e software del candidato ovvero alla connessione alla rete Internet tramite il provider prescelto, oppure ad un non corretto funzionamento della rete telefonica.

Art. 11
Svolgimento della prova valutativa

  1. La prova valutativa consta di una verifica scritta, della durata di 20 minuti, effettuata con gli strumenti informatici di cui agli artt. 6 e 10, presso il luogo precedentemente comunicato da ciascun candidato in sede di prenotazione della stessa.
  2. Il candidato deve avere con sé l’originale del documento di identità dichiarato, e allegato, nella fase di prenotazione.
  3. Ogni candidato è tenuto tassativamente ad effettuare il collegamento al server nel rispetto delle date e degli orari indicati nell’Allegato 1 e comunque almeno 30 minuti prima dell’orario di inizio svolgimento della prova. Il mancato collegamento nelle date e orari previsti determina l’impossibilità di svolgere la prova.
  4. A ciascun candidato è assegnato un questionario composto di 20 quesiti, a scelta multipla e risposta singola.
  5. I quesiti sottoposti ai candidati sono estratti, nel rispetto delle percentuali previste dall’art. 9, da un database di domande pubblicato, con le relative risposte, sul portale http://www.organismo-am.it.
  6. Il candidato può selezionare solamente una delle tre possibili risposte. Ad ogni domanda per cui è stata selezionata la risposta corretta è attribuito un punteggio pari a 1; ad ogni domanda per cui è stata selezionata una risposta errata non viene detratto alcun punteggio. In caso di risposta non data, non viene assegnato né detratto alcun punteggio.
  7. I candidati non possono avvalersi durante la prova, pena di esclusione dalla stessa, di alcun appunto, pubblicazione anche ufficiale, supporto esterno o strumento idoneo alla memorizzazione di informazioni o alla trasmissione di dati (quali a mero titolo esemplificativo altro personal computer, telefoni cellulari e tablet). È in ogni caso proibito dare lettura a voce alta, sussurrare o commentare il contenuto del questionario della prova in corso o utilizzare auricolari o cuffie.
  8. Nel caso in cui vi fossero altri soggetti diversi dal candidato presso lo stesso luogo (locale) di esecuzione della prova stessa, è altresì fatto divieto per il candidato interloquire, conversare o comunque comunicare con qualsiasi mezzo e o strumento anche non verbale con questi e ricevere od ottenere qualsivoglia ausilio nella risoluzione dei quesiti ovvero compiere atti idonei diretti in modo non equivoco a realizzare tali
    condotte.
  9. Fermo quanto sopra, nel caso in cui fossero presenti più candidati nello stesso luogo, questi dovranno essere posti a congrua distanza gli uni dagli altri, se possibile in postazioni schermate sui tre lati.
  10. Per ciascun candidato, l’eventuale interruzione della connessione tra il proprio client ed il server centrale comporta l’immediato arresto del timer del tempo residuo concesso per il completamento della prova, esposto nella parte superiore destra del video, e la sospensione dell’esecuzione della prova stessa fino al ripristino della connessione. Durante tale sospensione l’applicativo non consentirà al candidato l’accesso ai quesiti della prova.
    L’interruzione della connessione può derivare, a titolo esemplificativo, da perdita di collegamento con il proprio provider, spegnimento od arresto del personal computer, malfunzionamento della rete elettrica o della linea telefonica.
  11. A richiesta della Commissione di valutazione, durante la prova il candidato deve esibire il documento di riconoscimento, con fotografia, in corso di validità, i cui riferimenti sono stati comunicati in fase di prenotazione della prova stessa, onde consentire la regolare identificazione del candidato medesimo.
  12. Al candidato che risponde in modo esatto a tutte le domande è attribuito il punteggio formale di 20. La prova valutativa si intende superata con un punteggio uguale o superiore a 12.
  13. Il risultato della prova valutativa è visualizzabile da parte del candidato al termine della prova stessa. Il formale superamento della prova valutativa, a seguito di attestazione dei risultati della prova da parte della Commissione valutativa, è comunicato ai partecipanti attraverso il portale http://www.organismo-am.it entro tre giorni lavorativi dallo svolgimento della prova.
  14. In caso di esito negativo della prova valutativa il candidato può presentare, a mezzo lettera raccomandata AR, reclamo motivato all’OAM entro e non oltre il termine di 30 giorni dalla data di comunicazione all’interessato dell’esito della prova.

Art. 12
Commissione di valutazione

  1. Il Comitato di Gestione dell’OAM, almeno 10 giorni prima della data prevista per ciascuna sessione, nomina una Commissione di valutazione composta da non meno di tre e non più di cinque commissari, oltre ai corrispettivi membri supplenti. I componenti della Commissione devono possedere i requisiti di onorabilità previsti dall’art. 15 del D.Lgs. 13 agosto 2010 n. 141.
  2. La composizione della Commissione è pubblicata sul portale http://www.organismo-am.itentro il termine previsto dal comma precedente.
  3. La Commissione, mediante l’utilizzo di una apposita consolle:
    1. avvia le operazioni preliminari della sessione;
    2. avvia la prova valutativa, verificandone il tempo residuo e lo stato di completamento da parte dei singoli candidati;
    3. monitora in tempo reale i candidati connessi accedendo alle immagini e dall’audio durante lo svolgimento della prova;
    4. determina a suo insindacabile giudizio l’immediata esclusione dallo svolgimento della prova al ricorrere di una delle ipotesi di cui all’art. 13, anche a seguito di specifici richiami;
    5. dichiara conclusa la prova allo scadere del tempo effettivo concesso a ciascun candidato anche nel caso riscontri, decorsi 40 minuti effettivi dall’inizio della prova, il verificarsi dell’ipotesi di cui all’art. 13, comma 2, lett.b), e avvia il calcolo automatico dei risultati da parte dell’applicativo;
    6. verifica l’eventuale presenza di cause di invalidità della prova, come disciplinato dall’art. 14, e ne attesta i risultati entro i tre giorni lavorativi successivi al suo svolgimento.
  4. La Commissione si riserva, al fine di verificare il corretto svolgimento della prova, di richiedere all’utente di rendere visibile la postazione di lavoro per mezzo della webcam.
  5. I componenti della Commissione si riservano la facoltà, a propria discrezione, di presenziare personalmente, o tramite delegato, alla prova valutativa nella sede indicata dal candidato al momento della prenotazione, nel giorno ed all’orario previsto per la sessione prenotata.
  6. Al fine di cui al comma precedente, ciascun candidato autorizza, secondo le modalità indicate nel portale dell’Organismo, l’eventuale accesso dei componenti della Commissione e o loro delegati nei luoghi di svolgimento della prova.

Art. 13
Cause di esclusione dallo svolgimento della prova valutativa

  1. Costituiscono cause di immediata esclusione dalla prova condotte irregolari del candidato quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo:
    1. violazione delle norme di condotta di cui all’art. 11;
    2. presenza di soggetti diversi dal candidato al fine di ottenere qualsivoglia ausilio nella risoluzione dei quesiti ovvero compiere atti idonei in modo equivoco – fatta salva l’ipotesi di cui all’art. 15 – durante lo svolgimento della prova;
    3. inosservanza delle disposizioni comportamentali e o dei richiami formulati durante lo svolgimento della prova dalla Commissione di valutazione.
  2. Costituiscono, altresì, cause di esclusione dalla prova:
    1. qualsivoglia violazione, modifica od alterazione del software applicativo di cui all’art. 10;
    2. protratta o ripetuta perdita di connessione fra cliente server centrale, come specificato all’interno dell’art. 11, comma 10;
    3. problematiche inerenti alla rilevazione audio o video, non attribuibili al server centrale, anche legate alle particolari condizioni ambientali del luogo in cui il candidato effettua la prova, tali da non permettere una corretta identificazione del soggetto od il rispetto delle regole di condotta sopra richiamate.

Art. 14
Cause di invalidità della prova valutativa svolta

  1. Il risultato della prova valutativa è visualizzabile da parte del candidato al termine della prova stessa; tuttavia il formale superamento della stessa consegue alla attestazione dei risultati da parte della Commissione di valutazione, nei tempi e nelle modalità previsti dall’art. 11, comma 13.
  2. Il verificarsi di una delle ipotesi di cui all’art. 13, riscontrata dalla Commissione di valutazione nei tre giorni lavorativi successivi allo svolgimento della prova valutativa, costituisce causa di invalidità della stessa.
  3. Costituisce altresì causa di invalidità della prova l’accertamento da parte dell’Organismo, anche in epoca successiva, del mancato possesso dei requisiti di ammissione richiesti di cui all’art. 2 del presente Bando.

Art. 15
Riconoscimento dei benefici previsti dalla legge n. 1041992

  1. Per il riconoscimento dei benefici previsti dall’art. 20, della legge 5 febbraio 1992,n. 104 («legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate») i candidati portatori di handicap, ai sensi dell’art. 3 della medesima legge, che ne facciano documentata richiesta a mezzo lettera raccomandata AR da far pervenire alla sede dell’OAM (Via Galilei n.3, 00185 – Roma) almeno 5 giorni lavorativi prima della data prescelta per la prova valutativa, potranno essere assistiti nella lettura dei quesiti e nella compilazione delle risposte da un soggetto terzo, che non potrà dare loro suggerimenti, le cui generalità siano state comunicate nella stessa richiesta all’Organismo.
  2. Per i predetti candidati portatori di handicap il tempo a disposizione per lo svolgimento della prova valutativa potrà essere aumentato fino a un tempo complessivo di 35 minuti.

Art. 16
Trattamento dei dati personali

  1. In calce al presente bando è riportata la versione aggiornata dell’informativaOAM sulla privacy di cui si invita a prendere attenta visione.
  2. Il testo recepisce le disposizioni del Regolamento UE 2016679 integrate al D.Lgs. 1962003 modificato dal D.Lgs. 1012018, che nel complesso rafforzano la protezione dei dati personali e la tutela dei diritti delle persone.

Art. 17
Pubblicazione del Bando

  1. Il presente Bando è pubblicato sul portale http://www.organismo-am.it almeno 30 giorni prima della data prevista per lo svolgimento di ciascuna sessione.

ALLEGATO 1
1° TRIMESTRE 2020

SESSIONE DATA PROVA ACCETTAZIONE PRENOTAZIONE/CANCELLAZIONE
1/2020 15/01/2020 10:00 09:30 DAL 09/12/2019 AL 08/01/2020
2/2020 15/01/2020 12:00 11:30 DAL 09/12/2019 AL 08/01/2020
3/2020 15/01/2020 15:00 14:30 DAL 09/12/2019 AL 08/01/2020
4/2020 15/01/2020 17:00 16:30 DAL 09/12/2019 AL 08/01/2020
5/2020 29/01/2020 10:00 09:30 DAL 09/12/2019 AL 20/01/2020
6/2020 29/01/2020 12:00 11:30 DAL 09/12/2019 AL 20/01/2020
7/2020 29/01/2020 15:00 14:30 DAL 09/12/2019 AL 20/01/2020
8/2020 29/01/2020 17:00 16:30 DAL 09/12/2019 AL 20/01/2020
9/2020 12/02/2020 10:00 09:30 DAL 09/12/2019 AL 03/02/2020
10/2020 12/02/2020 12:00 11:30 DAL 09/12/2019 AL 03/02/2020
11/2020 12/02/2020 15:00 14:30 DAL 09/12/2019 AL 03/02/2020
12/2020 12/02/2020 17:00 16:30 DAL 09/12/2019 AL 03/02/2020
13/2020 26/02/2020 10:00 09:30 DAL 09/12/2019 AL 17/02/2020
14/2020 26/02/2020 12:00 11:30 DAL 09/12/2019 AL 17/02/2020
15/2020 26/02/2020 15:00 14:30 DAL 09/12/2019 AL 17/02/2020
16/2020 26/02/2020 17:00 16:30 DAL 09/12/2019 AL 17/02/2020
17/2020 11/03/2020 10:00 09:30 DAL 09/12/2019 AL 02/03/2020
18/2020 11/03/2020 12:00 11:30 DAL 09/12/2019 AL 02/03/2020
19/2020 11/03/2020 15:00 14:30 DAL 09/12/2019 AL 02/03/2020
20/2020 11/03/2020 17:00 16:30 DAL 09/12/2019 AL 02/03/2020
21/2020 25/03/2020 10:00 09:30 DAL 09/12/2019 AL 16/03/2020
22/2020 25/03/2020 12:00 11:30 DAL 09/12/2019 AL 16/03/2020
23/2020 25/03/2020 15:00 14:30 DAL 09/12/2019 AL 16/03/2020
24/2020 25/03/2020 17:00 16:30 DAL 09/12/2019 AL 16/03/2020
DALLE ORE 09:00 DEL 1° ALLE
ORE 23:59 DEL 2° GIORNO
INDICATO

TABELLA A

MATERIE SU CUI VERTE LA PROVA VALUTATIVA INCIDENZA
PERCENTUALE
Il sistema finanziario e l’intermediazione del credito:,
−,i soggetti operanti nell’intermediazione creditizia: gli,intermediari bancari, gli intermediari finanziari e gli,intermediari del credito;,
−,ilsistemaistituzionaleprepostoallaregolazioneeal,controllo del sistema finanziario;,
−,i mediatori creditizi e gli agenti in attività finanziaria in,particolare: attività svolta, requisiti richiesti, sistema di
vigilanza.
40%
Aspetti tecnici e normativi delle forme di finanziamento:
mutui, prestiti personali, affidamenti finalizzati, leasing,
factoring, cessione del quinto dello stipendio e della
pensione, aperture di credito, carte di credito, deleghe di
pagamento, concessione di garanzie.
30%
La disciplina sulla trasparenza nei contratti bancari, nel credito ai consumatori e nell’attività di mediazione creditizia. 20%
Elementi sulla valutazione del merito creditizio: come esaminare il bilancio familiare ed il fabbisogno finanziario d’impresa. 10%
La disciplina antiriciclaggio ed antiusura.
Servizi di pagamento.
La disciplina in tema di intermediazione assicurativa.
Disciplina dei reclami e dell’Arbitro bancario e finanziario.

Clicca qui per scaricare il documento originale

Clicca qui di seguito per prepararti con il nostro corso e con il nostro simulatore gratuito dell’esame


Che cosa significa l’esperienza professionale di un agente in attività finanziaria?

Che cosa significa l’esperienza professionale di un agente in attività finanziaria dopo 9 anni dal D.LGS. del 13 Agosto 2010 N. 141?

Oggi mi permetto di scrivere alcune mie personali considerazioni su questo argomento:

L’articolo 14 del citato decreto definisce con precisione i requisiti di professionalità di cui devono essere dotati coloro i quali intendono iscriversi all’albo degli agenti in attività finanziaria, così come è indicato nell’art. 128-quater, al comma 2 del testo unico bancario. Oltre al titolo di studio ed alla frequenza di un corso di formazione professionale nelle materie rilevanti nell’esercizio dell’attività, viene chiesta un’adeguata conoscenza delle materie stesse accertata con il superamento dell’esame.

Dopodiché vengono indicate le qualità che devono avere coloro i quali svolgono funzione di amministrazione, direzione e controllo di agenzie in attività finanziaria. Per l’amministratore unico di una società a responsabilità limitata, viene richiesta, oltre al possesso della competenza nelle materie specifiche, anche l’aver svolto per un periodo non inferiore al quinquennio la funzione e l’esercizio di funzione equivalente a quella del direttore generale oppure al triennio se hanno svolto la funzione di amministratore o di controllo ovvero compiti direttivi presso imprese Art 14 lett, a punto 1.

Oggi, quando un agente ha superato l’esame ed inizia la sua professione fa la scelta di agire inizialmente o come persona fisica in maniera individuale, oppure come amministratore di una società di capitali, ovvero anche come amministratore di una società di persone.

Quando fa quest’ultima scelta, coloro i quali svolgono l’attività di collaboratori, devono aver superato lo stesso esame previsto per gli agenti in attività finanziaria. Questo, nel corso degli anni a seguire, crea, naturalmente, un’estrema facilità da parte dell’agente di perdere questi collaboratori i quali hanno già tutti i requisiti (ed anche i costi) per poter iniziare in qualsiasi momento l’attività in proprio, per cui, tutto lo sforzo dell’amministratore nel formare questi collaboratori molto spesso va in fumo.

Non vanno sottaciuti molti aspetti di carattere fiscale e lavorativo che fanno preferire la società di capitali quale struttura più adatta per iniziare un’attività economica quale oggi è un’agenzia di attività finanziaria.

Mi sembrano pertanto eccessivi i cinque anni di esperienza in qualità di amministratore richiesti dal D.LGS. 141 e penso che possa essere consentito già da subito, avendone le opportune competenze, l’inizio di tale attività senza i cinque anni di pregressa esperienza come amministratore, peraltro non richiesti per tante categorie economiche di operatori.

Dopo quasi dieci anni di esperienza penso che andrebbe rivisitata la norma consentendo una più facile espansione di questo settore.

 

Gaetano Burrattini

Aggiornamenti 2019 OAM e IVASS – zero stress

Ogni anno tutti gli iscritti OAM ed IVASS devono eseguire l’aggiornamento obbligatorio, in base alla nostra esperienza consigliamo di iniziare già da subito, il rischio è quello di non riuscire a completare le ore necessarie e di trovarsi non coperti per l’anno in corso e di andare incontro ad eventuali sanzioni da parte delle rispettive autorità di vigilanza.

Cliccando sull’immagine di seguito è possibile trovare i pacchetti dedicati a chi è iscritto sia all’OAM che all’IVASS, ricordando che gli aggiornamenti professionali sono disponibili anche singolarmente.